Segnali per eventi sportivi| Intervista| SEGNALI VELOCI

Quando si tratta di cartelli per eventi sportivi, la Major League Baseball è davvero la grande lega. Solo le migliori comunicazioni visive arrivano a “The Show” per coinvolgere i fan e promuovere gli inserzionisti. Abbiamo parlato con Jim Cochrane, Senior Vice President of Partnerships with the Texas Rangers, per saperne di più su cosa rende efficaci i cartelli sportivi e su come si evolveranno in futuro i cartelli per stadi ed eventi…

Segno dell'evento Texas Rangers

Come è cambiata la comunicazione visiva per squadre sportive e campi da baseball durante il tuo periodo con i Texas Rangers?

“Lavoro con i Texas Rangers da 18 anni e per almeno 16 di loro FASTSIGNS è stato il nostro partner per la segnaletica degli sponsor.

Quando ho iniziato alla fine degli anni ’90 non c’era nessun segnale di rotazione dietro casa base. Oggi non puoi guardare una partita di MLB senza vedere la rotazione, la fissa o entrambe dietro casa base. Abbiamo installato la nostra nel 1997. Nel 2010 abbiamo sostituito la scheda video principale con una sei volte più grande. Oggi la nostra segnaletica digitale a LED è più di 1.200 piedi lineari, una delle più lunghe in MLB.

Il digitale offre ai nostri inserzionisti la possibilità di modificare i messaggi più spesso rispetto alla segnaletica fissa. Fornisce inoltre più opzioni per diversi livelli di investimento. Un mezzo inning di pubblicità a LED richiede una spesa inferiore rispetto a un cartello fisso esterno”.

Segno dell'evento sportivo dei Texas Rangers

Quali aspetti della comunicazione visiva sono più importanti per i potenziali sponsor?

“Dipende molto dall’inserzionista e dal suo obiettivo. Iniziamo parlando di ciò che vogliono. Stanno cercando un posizionamento visibile dalla telecamera o più di una presenza nello stadio? La segnaletica sulla telecamera include il posizionamento a livello del campo, casa base e la recinzione del campo esterno. La televisione è costosa e avere posizionamenti visibili dalla telecamera in uno stadio MLB è un ottimo modo per attirare l’attenzione sul tuo marchio.

Abbiamo opzioni di segnaletica di grande formato, come un cartello di 32×52 piedi sul tetto che non verrà ripreso dalle telecamere di trasmissione ma è altamente visibile per i fan allo stadio. Se ci sono altri obiettivi, come indirizzare il traffico verso i negozi, potremmo suggerire un programma di coupon alle porte invece della segnaletica.

In genere l’obiettivo generale è creare un’affinità tra la tifoseria e l’azienda, con la squadra che è il collante che li unisce”.

Probabilmente presti più attenzione ai dettagli in altri stadi e luoghi di grandi dimensioni rispetto al pubblico in generale. Cosa ti colpisce quando visiti altre arene?

“Stiamo sempre tenendo d’occhio le nuove tendenze, dove le persone mettono la segnaletica e chi fa pubblicità con loro. L’industria si è evoluta per includere molta più segnaletica. Ho visto un vecchio highlight di Gretsky l’altro giorno e non c’erano segni sui dashers!

Guardo sempre il creativo. Mi colpisce quando qualcuno ha pagato per un cartello che non puoi leggere in televisione o vedere chiaramente dagli spalti. Cerchiamo di mantenere questa prospettiva e di concentrarci sulla creatività quando lavoriamo con i nostri inserzionisti e FASTSIGNS per creare nuova segnaletica”.

Segno dell'evento sportivo dei Texas Rangers

Hai svolto un ruolo chiave nella negoziazione dei diritti di denominazione del campo da baseball con la Globe Life and Accident Insurance Company. Quando un affare del genere va a buon fine, quali sono le ramificazioni per cambiare il marchio e la segnaletica generale in un campo da baseball?

“Sapevamo la scadenza entro la quale doveva essere firmato il contratto per tutte le modifiche da attuare prima del giorno di apertura. Abbiamo iniziato a fine gennaio 2014 e abbiamo avuto circa due mesi per aumentare tutta la segnaletica. Con l’aiuto di FASTSIGNS siamo stati in grado di colpire tutti gli elementi della lunga lista di pugni.

Una parte importante di un progetto del genere è lavorare con un partner per assicurarsi che gli articoli con tempi di consegna più lunghi abbiano la priorità. Il cartello con i diritti di denominazione della struttura doveva iniziare per primo perché ci sono volute dalle sei alle otto settimane per creare, consegnare e installare quel grande cartello con l’aspetto di una pietra incisa. Le insegne più piccole e meno complicate possono essere girate in pochi giorni, quindi quelle sono state create per ultime”.

Quali nuove tendenze o tecnologie nella segnaletica vedi come opportunità per la crescita della partnership e il miglioramento delle esperienze dei fan?

“Sicuramente il mondo digitale e l’integrazione dei social con gli hashtag sulla segnaletica. Oggi c’è la segnaletica nella maggior parte dei posti in cui puoi pensare di metterla nello sport. L’eccezione è la NFL, dove la lega non consente la segnaletica sul campo. Ecco perché la maggior parte degli stadi della NFL ha tutti i segni digitali più alti. L’anno scorso è stato il primo anno in cui ho visto l’inserimento digitale per la trasmissione nella NHL. Inseriscono digitalmente annunci sul vetro e dietro gli obiettivi durante la trasmissione.

Come la [Atlanta] Falchi, [Minnesota] Vichinghi e [Sacramento] Tutti i re costruiscono nuove strutture, sarà interessante vedere quanta parte della segnaletica sarà digitale rispetto a quella fissa. Nella nostra struttura abbiamo “diorami da concorso”, o insegne retroilluminate in ogni piccolo tunnel dall’atrio alla ciotola dei posti a sedere. Se venissero costruiti nuovi stadi, probabilmente sarebbero tutti digitali”.

Un grande ringraziamento a Jim Cochrane per aver dedicato del tempo a condividere con noi la sua esperienza nel segno dello sport! Domande sul colloquio? Twittaci
@FASTSIGNS
.


Articoli Correlati:

I 5 migliori segnali dei fan agli eventi sportivi

Pubblicità di eventi sportivi nel corso degli anni

Segni relativi allo sport

7 prodotti di comunicazione visiva di cui ogni evento sportivo ha bisogno