L’intelligenza artificiale offre touchscreen migliori | Segnaletica digitale oggi

Sta emergendo una “corsa all’oro” tecnologica poiché l’intelligenza artificiale consente agli utenti di interagire con i computer in modi impensabili solo pochi anni fa. Siamo sul precipizio di una nuova era della tecnologia, in cui possiamo unire voce, gesti e tocco per creare un’esperienza utente completamente nuova che sfrutta il meglio di ogni interfaccia.

Sta emergendo una “corsa all’oro” tecnologica poiché l’intelligenza artificiale consente agli utenti di interagire con i computer in modi impensabili solo pochi anni fa. In effetti, la tecnologia basata sull’intelligenza artificiale sta dando origine a interfacce utente percettive come il riconoscimento vocale e basato sui gesti, consentendo agli utenti di interagire con chioschi, display e altri dispositivi con il suono della propria voce o il movimento del proprio corpo. Molti sostenitori delle tecnologie innovative le stanno promuovendo come alternative ai sistemi touch, sostenendo che supereranno i touchscreen per diventare le nuove modalità dominanti di interazione e comunicazione uomo-computer.

Ma, come ci dice la storia, l’esperienza dell’utente determina se la nuova tecnologia vive o muore e, in base alle capacità autonome di voce e gesti, è difficile immaginare che entrambe possano sostituire l’ubiquità dei sistemi touch. Né svanirà nell’oscurità e si unirà ai ranghi di Blackberry e Palm Pilots. Piuttosto, siamo sul precipizio di una nuova era della tecnologia, in cui possiamo unire voce, gesti e tocco per creare un’esperienza utente completamente nuova che sfrutta il meglio di ogni interfaccia.

È vero che voce e gesti stanno suscitando entusiasmo nel settore delle interfacce uomo-computer. Ma è probabile che il tocco continuerà a dominare il mercato e fungerà da spina dorsale di queste nuove tecnologie ibride. Molte ragioni spiegano questo, ma nessuna più che l’intuitività del tocco. Il tatto è il primo senso che sviluppiamo come esseri umani, secondo gli scienziati, e svolge un ruolo fondamentale nel nostro sviluppo come esseri umani. Per non parlare del fatto che le persone gravitano naturalmente verso superfici, materiali e oggetti che possono toccare con le mani. La prova di ciò è chiaramente visibile nella rapida ascesa dei sistemi tattili in tutta la società odierna. In effetti, le generazioni attuali e future che si spostano sul posto di lavoro sono già state preparate e si aspettano capacità tattili nel loro ambiente di lavoro.

L’uso diffuso del tocco non è passato inosservato alle grandi imprese e alle grandi società, che da diversi anni stanno riversando risorse nell’integrazione del tocco sul posto di lavoro. Ma l’espansione del tocco non si ferma qui. La stragrande maggioranza dei centri di vendita al dettaglio e dei negozi è passata al touch anche per i propri sistemi POS, display informativi, cataloghi di prodotti interattivi e molti altri casi d’uso.

tocco complementare

Come tutta la tecnologia, però, il tocco ha i suoi limiti. Ma dove può mancare, voce e gesto possono integrarlo per creare un dispositivo più intuitivo e istintivo. Ad esempio, l’elaborazione del linguaggio naturale, nota come NLP, la tecnologia comportamentale alla base delle interfacce di riconoscimento vocale, ha dato origine a Siri, Alexa, Cortana e Google Assistant. Ciascuno di questi dispositivi ha avuto molto successo, dimostrando che c’è una forte domanda per la futura tecnologia NLP nel mercato consumer. Ma la PNL deve ancora penetrare nella comunità imprenditoriale e trarre vantaggio da un settore che è sempre alla ricerca di nuovi modi per semplificare le operazioni. Il modo in cui la voce viene integrata con i comandi supplementari per l’esperienza tattile primaria sarà determinante per le esperienze utente di prossima generazione.

Allo stesso modo, le interfacce di riconoscimento basate sui gesti possono fornire a un computer dati in tempo reale utilizzando le fotocamere per alimentare le immagini in un dispositivo di rilevamento. Questa tecnologia sta guidando i progressi nell’automazione, tra cui case intelligenti e auto intelligenti, assistenti virtuali, assistenza clienti online, giochi di realtà aumentata e molte altre applicazioni. L’influenza di Gesture sul futuro della tecnologia di automazione sarà senza dubbio forte. E se abbinati a voce e tocco, i vantaggi potrebbero andare molto oltre i migliori videogiochi e assistenti virtuali più intelligenti. Insieme, queste tecnologie potrebbero risolvere alcuni dei problemi più difficili del mondo. Pensa a come un trio di interfacce con tocco, voce e gesti interagirebbe con un’intera persona piuttosto che con un aspetto del suo corpo, possibilmente riducendo il dolore e l’affaticamento, mantenendo il comfort e preservando l’acutezza mentale di un utente durante le lunghe ore di interazione con l’interfaccia naturale.

Benvenuti nell’esperienza virtuale

Uno degli ultimi esempi di interfacce naturali che risolvono i problemi del mondo reale si trova nella sala riunioni, dove gli innovatori hanno allettato gli acquirenti aziendali con una nuova tecnologia che favorisce la collaborazione tra i dipendenti. Utilizzando la voce, il tocco e i gesti, stiamo cercando di sviluppare un sistema di conferenza basato sulla collaborazione di nuova generazione, costruito con microfoni fissi e telecamere di riconoscimento vocale posizionate strategicamente attorno a una lavagna touchscreen digitale, offrendo ai partecipanti virtuali l’esperienza completa della sala riunioni. Il dispositivo può sembrare un boccone, ma può semplificare le riunioni e salvare il mondo aziendale milioni, se non miliardi, di dollari in perdite di tempo e inefficienze del consiglio di amministrazione.

Vedremo anche queste tecnologie convergere nel settore dell’ospitalità, in particolare nei ristoranti fast food, dove i clienti saranno accolti da chioschi che effettivamente comunicano con loro. Immagina di scambiare convenevoli con un chiosco prima di fare un gesto con la mano per girare una pagina digitale sullo schermo. Una volta trovato quello che stai cercando, raggiungi il chiosco e tocchi la tua selezione. Mentre esci dalla porta con il cibo in mano, una voce familiare chiama il tuo nome. Ti volti indietro e vedi il chiosco che ti avvisa che hai dimenticato la tua carta di credito.

Questi prodotti avranno successo se funzionano come previsto. Tuttavia, in qualità di ingegnere di sistemi touch da 30 anni, so fin troppo bene che una cosa è costruire una nuova tecnologia e un’altra è costruirla nel modo giusto. Di volta in volta i concorrenti scavalcano i pionieri delle nuove innovazioni perché la tecnologia non è stata realizzata correttamente. Lo abbiamo visto con i primi utilizzatori di e-book, che hanno portato sul mercato lettori di e-book molto prima di Amazon. Sfortunatamente per quelle aziende, l’esperienza utente delle loro piattaforme era scarsa a causa di problemi tecnici e altri problemi. I clienti hanno trovato un’opzione migliore con un negozio chiamato Amazon e sappiamo come si svolge quella storia.

Stiamo vivendo tempi entusiasmanti nel mondo dei sistemi touch inclusivi. Man mano che gli innovatori continuano a integrare il tocco con interfacce utente percettive come la voce e i gesti in un’unica interfaccia, vedremo sorgere il meglio delle nostre tecnologie e ci aiuterà a comunicare in modi che non avremmo mai pensato possibili, non solo con i computer ma anche tra di noi.