2021: l’anno in cui i creativi devono essere positivi

Affermare l’ovvio

Il 2020 ha fatto schifo. Lo sappiamo tutti, lo abbiamo vissuto tutti. Se ricevo un’altra email su “questi tempi incerti”, potrei urlare. Inoltre, non sto guidando così tanto la mia auto, quindi smettila di chiamarmi per estendere la mia garanzia dell’auto.

messaggio di neve

Perno!

I marketer e gli inserzionisti si sono arrampicati durante la pandemia per relazionarsi con il loro pubblico e sono stati costretti a PIVOT. Nota a margine: penso sempre a quell’episodio di Friends ogni volta che sento qualcuno dire “pivot”:

perno

Affrontare COVID-19, quarantena, lavoro da casa, “la nuova normalità” e molto altro; siamo stati costretti a essere creativi e questo mi dà speranza.

I creativi dovrebbero cogliere questo “Rinascimento” ed essere positivi in ​​futuro. Abbiamo tutti dovuto imparare a navigare e imparare gli uni dagli altri, il che naturalmente incoraggia la creatività e le vibrazioni positive.

Sii gentile

Fare la differenza

Ora è la nostra opportunità per essere ascoltati davvero e rendere importante il nostro lavoro. I tempi bui e negativi favoriscono nuove idee per migliorare la nostra situazione e aiutarci a vicenda. Ci saranno meno conversazioni su cose che non contano davvero e più attenzione a raccontare le storie che devono essere raccontate. Sento che il 2020 può essere un reset: le persone hanno avuto il tempo di riflettere e avere una prospettiva e riscoprire ciò che è DAVVERO importante. In quanto creativi, sfruttiamo questo aspetto e diventiamo buoni cittadini del cambiamento.

Tempi incerti

Sì, l’ho detto. Le piccole imprese stanno soffrendo e stanno affrontando l’incertezza, e anche noi. L’imprevedibilità favorisce l’invenzione e l’ingegno. Gli esseri umani sono creature straordinarie che possono realizzare qualsiasi cosa si prefiggano. Sono entusiasta di vedere come cambia il marketing e la pubblicità quest’anno.

Nuove opportunità e salari migliori

Sono stato licenziato per diversi mesi a marzo come molti altri grafici/creativi. Quasi un anno dopo, i nostri lavori sono ora molto richiesti.

“Con la società che si sposta online per la maggior parte delle sue attività, ogni azienda è diventata un’azienda digitale e la necessità di un design eccezionale per distinguere un marchio non è mai stata più urgente”. – Boom creativo

L’esperienza dell’utente equivale alla sopravvivenza del settore

I designer UX (User Experience) sono i designer che domineranno il posatoio. Molti grafici non hanno molta esperienza con UX Design e dovranno affinare le proprie competenze per soddisfare il ruolo in continua evoluzione di “Graphic Designer”. E quelli che sono abili saranno (e sono) ben pagati.

Più richiesta per la grafica animata

Poiché l’e-commerce è ora più importante di prima, i marchi vogliono distinguersi dalla massa con la grafica animata. Con l’avanzare della tecnologia con smartphone e smart TV con velocità più elevate e risoluzione di qualità più elevata, ciò non farà che aumentare la domanda.

Equilibrio tra lavoro e vita privata

Abbiamo scoperto che lavorare da casa è fattibile. Potrebbe non essere l’ideale per ogni settore, ma possiamo emergere da “Pandemic Times” con un atteggiamento più flessibile nei confronti del concetto. Le api operaie hanno scoperto come gestire i loro carichi di lavoro e di vita, e dirigenti e manager vedono che il lavoro viene ancora svolto in modo efficace.

Più opportunità per la diversità

Oggi più persone lavorano da remoto che mai. Il world wide web è proprio questo: in tutto il mondo. Quanto è eccitante poter lavorare direttamente con qualcuno che si trova dall’altra parte del mondo da dove ti trovi? Infinite possibilità di collaborazione tra culture e menti.

Trasforma un negativo in positivo

Il 2020 è stato il negativo che possiamo prendere e trasformare in positivo. Questa è più o meno la definizione di creatività. Sono fiducioso per il futuro del lavoro creativo. I grafici e i creativi non si limitano a “far sembrare bello”. Possiamo fare la differenza. Cominciamo adesso.